I 5 passi fondamentali per ottenere più click in ingresso sul proprio sito Web

Pubblicato da Dario Carotenuto il

Questo breve articolo va dritto al punto, anzi, ai punti: illustra i 5 passi fondamentali per ottenere più click in ingresso sul proprio sito Web.

E’ molto pratico, quindi ti consiglio di provare subito dopo averlo letto e.. fammi sapere come sarà andata scrivendomi o commentando qui sotto. Inoltre, se ti piace e lo trovi utile, condividilo pure con i tuoi contatti, te ne sarei molto grato!

A chi si rivolge. Questa piccola guida è dedicata sia a chi inizia e vuole comprendere quali sono gli ingredienti base per migliorare il rendimento del proprio sito web in termini di visibilità, ossia desiderano semplicemente ottenere più click in ingresso sul proprio sito Web,  che, per quanti, seppur conoscendo il tema Web Marketing, desiderano disporre di una sequenza di passi assolutamente consigliata, efficace e.. da non dimenticare!

Pronti? Via! Riuscire ad ottenere più click in ingresso sul proprio sito Web significa eseguire un piano composto da attività che, fondamentalmente, richiedono risorse zero in termini di spesa diretta, ma bisogna essere disposti a dedicare tempo e forza lavoro. Non temere però: tutto lo sforzo sarà ricompensato e risulterà essere fondamentale per tutti i piani e campagne che vorrai aggiungere in seguito.

I passi.

  1. Riscoprire le basi. Prima di iniziare a sporcarsi le mani, per ottenere più click in ingresso sul proprio sito Web è necessario porsi le seguenti domande, alcune potrebbero sembrare provocatorie ma.. servono! Eccole:
    1. Ci sono persone interessate a ciò che propongo nel mio sito Web? Chi sono? Fare esempi concreti, anche nomi di persone o aziende.
    2. Come si caratterizzano questi potenziali clienti? Provare a scrivere accanto a ciascun nome una sorta di classificazione. Per esempio: Mario Rossi: uomo di 30-40 anni appassionato di pesca subacquea con bombole… A cui assegnerò i termini di classificazione pesca, sub, bombole ossigeno,... e così via.
    3. Quanto è disposto a spendere il mio cliente tipo? E’ disposto ad acquistare online? Dove trova il prodotto che desidera attualmente? Quali informazioni desidera leggere prima di poter acquistare? In sintesi, le domande sono le classiche 4 P del marketing: Prodotto-Prezzo-Luogo-Promozione. In questo senso bisogna pensare ed agire come fossimo noi il cliente stesso. Se sei già del settore, avrai di sicuro sentito parlare di uno strumento che può aiutarti ad annotare e pensare a tutte queste cose: la mappa dell’empatìa, nota come Empathy Map. Se vuoi usarla come guida clicca qui e scaricala, è gratis per te ;-) Modello dell'Empathy Map
  2. Osserva i tuoi vicini. Osservare i tuoi vicini non significa appostarsi con il cannocchiale e tenerli d’occhio :P bensì navigare sulle loro pagine, magari cercano di raggiungerle attraveso la scrittura dei termini di classificazione che hai ricavato al passo 1.b e vedere come si presentano, cosa offrono e come. Quello che scopri potrebbe essere importantissimo per collocarti come alternativa aggiungendo qualcosa che a loro manca o semplicemente imparando da chi ha già tentato ed ottenuto dei risultati (li hai raggiunti tramite Google, scegli i top 3-5 risultati dove non è riportato accanto la parolina Ann. o simili, come nell’immagine che segue). Prova a classificare per prezzo e qualità le offerte dei tuoi concorrenti e riporta su un grafico come quello che segue.
  3. Cura la qualità e impatto dei contenuti. Ora è il momento di mettere a frutto quanto hai appreso nei precedenti punti: bisogna iniziare a ridisegnare le pagine del proprio sito Web affinché, riguardandole e facendole riguardare ad amici o colleghi, possano classificarle rispetto ai parametri che ti sei posto. Ad esempio: chiarezza dell’offerta rispetto al tuo cliente tipo, informazioni complete e coerenti, prezzo e qualità nel rapporto giusto, e così via. Fai qualche prova e poi fai qualche intervista. Se il tutto inizia a convincere, prosegui!
  4. Stabilisci la rotta. Adesso è giunto il momento di capire come verificherai numericamente i progressi: introduciamo le famose METRICHE del successo! Le metriche non sono altro che dati che raccoglierai ed analizzerai per capire se la direzione punto punto segue la rotta verso l’obiettivo che ti sei posto. Ad esempio, potresti manterere traccia dei click giornalieri in ingresso (Metrica #1) e del numero di scritti ad un modulo newsletter che compare nella home page as esempio (Metrica #2). Come fare a stabilire e tener traccia di questi numeri? Semplice, potresti utilizzare tantissimi tool gratutiti e non che trovi in giro per il web cercando semplicemente “Web Analytics” o simili. Ti consiglio, per la semplicità e per l’attendibilità, il tool gratuito Google Analytics che trovi su [INSERIRE LINK]. Basta iscriversio con un’eMail e seguire la procedura guidata che ti consentirà di ottenere un codice che dovrai semplicemente copiare ed incollare nelle tue pagine web. Per fortuna la guida Google spiega tutto, se hai dubbi o domande non esitare a contattarmi! Sarò felice di aiutarti.
  5. Citare e farsi citare. Questo è un lavoro importante, duro e lungo. Si tratta di parlare della propria presenza online in modo assolutamente oggettivo e trasparente nei luoghi dove può interessare avere una risorsa in più da confrontare prima di un acquisto di un determinato prodotto o servizio. Cerca i forum, i gruppo social e i siti dove si parla già del tema che proponi e sii propositivo senza fare spam. Altro consiglio: appunta sul calendario, a cadenza regolare se riesci, non importa tutti i giorni o ogni settimana, l’importante è farlo, scrivere qualche articolo sul proprio spazio Web ben centrato sui temi e che sia utile sapere per chi cerca quel tipo di prodotto. Pensa di scriverlo come se parlassi ad un tuo caro amico, con cui condividi una passione ed a cui racconti una novità o curiosità sul tema. Se citi qualcuno o qualcosa (che non siano i tuoi antagonisti però mi raccomando!) metti un link alla citazione e scrivi al destinatario riportando di averlo citato e, se gli fa piacere, proporre di iniziare a condividere riferimenti incrociati a risorse utili comuni. E’ un lavoro lungo, come dicevo all’inizio, ma è quello che nel tempo rende più di tutto e lavora proprio su uno dei parametri fondamentali dell’algoritmo PageRank di Google che, seppure sia segreto e cambi nel tempo, giudica e classifica i siti Web in base anche a quanto altri siti li citano: più sei citato, più sei autorevole! Questa è la chiave ;-) Ora vai e crea un sito Web di successo!

Condividi questo articolo



← Articoli precendenti


Lascia un commento